Messaggio di errore

Recursion detected in view santi_beati_venerabili_e_mistici_cristiani display default.

Inchiesta su Uriele l'Arcangelo scomparso

inchiesta-su-uriele
Marcello Stanzione - Carmine Alvino

Tra gli spiriti santi sempre pronti a entrare alla presenza della Maestà di Dio che sono identificati nei sette santi arcangeli figura, secondo l’opinione di vari e importanti autori, anche Uriel, nome assegnato al quarto arcangelo da antiche tradizioni ebraiche, presenti soprattutto nel ciclo di Esdra e in quello apocrifo di Enoch. Il libro si propone di analizzare la figura di questo “arcangelo scomparso”, dimostrandone la legittimità del culto attraverso un percorso di ricerca tra testi sacri, tradizione cristiana, arte e letteratura.

______________________________

 

 

Acquista on-line

COMMENTI:

Dott. Giacomo Mrakic il 23 ottobre 2012 alle 09:33 ha scritto:

un libro interessantissimo su un argomento e un personaggio poco conosciuto della tradizione ebraica. un viaggio alla scoperta del quarto arcangelo e della sua esistenza alla luce anche della tradizione cattolica.

 

Alfonso Maraffa - UDINE, martedì, 15 novembre 2011 (ZENIT.org) - Le edizioni Segno di Udine proprio in questi giorni hanno fatto arrivare in tutte le librerie cattoliche il libro Inchiesta su Uriele. L’arcangelo scomparso. Gli autori di questo libro sono un sacerdote salernitano don Marcello Stanzione ed un avvocato avellinese il dottor Carmine Alvino accumunati da un grande amore agli angeli e che da anni cercano di diffondere tra i cattolici la vera devozione cristiana agli spiriti celesti e quindi far chiarezza su un tema dove la New Age, l’esoterismo, l’occultismo e la cabala ebraica creano grande confusione tra gli stessi fedeli praticanti delle nostre parrocchie. Gli autori erano alquanto dubbiosi di stampare in un libro le loro considerazioni su l’angelo Uriele perché essendo un nome di angelo usato oggi prevalentemente in pubblicazioni acattoliche o addirittura anticattoliche temevano grandemente di essere equivocati e quindi di creare anch’essi, pur non volendolo assolutamente, ulteriore confusione. Gli autori si sono decisi a stampare questo loro libro di taglio assai divulgativo su Uriele quando sabato 16 aprile 2011 acquistando il quotidiano della Santa Sede, L’Osservatore Romano, con loro grande stupore hanno trovato in prima pagina una immagine dei quattro Arcangeli e quindi pure una dell’Arcangelo Uriel (che poi hanno scelto come immagine di copertina). Il giornale vaticano proprio partendo da quell’immagine di Uriel faceva gli auguri “Ad multos annos” a sua Santità Benedetto XVI che in quel giorno festeggiava il suo compleanno. Il quotidiano ufficiale della Santa Sede così testualmente scriveva: “ Dio è la mia luce: questo significa Uriel, il nome assegnato al quarto arcangelo da antiche tradizioni ebraiche, presenti soprattutto nel ciclo di Esdra e in quello apocrifo di Enoch, riprese tra l’altro dal cristianesimo etiopico. E proprio con una immagine tradizionale etiopica degli arcangeli, che mostrano e incensano la croce di Cristo, l’Osservatore Romano rivolge a Benedetto XVI gli auguri più affettuosi per l’ottantaquattresimo compleanno”. Anche gli autori partendo da questa immagine augurano a tutti i lettori del loro opuscolo divulgativo di essere come gli angeli santi di Dio al servizio di Cristo e degli uomini nella Santa Chiesa Cattolica. Il libro di don Stanzione e di Alvino tratta dei nomi degli angeli, di Uriele nella tradizione angelologica ebraica e cristiana, della dimensione degli angeli nel cristianesimo primitivo ed infine di Uriele nella letteratura e nelle rappresentazioni artistiche

 

Vedi altro su: