RICOSTRUIAMO INSIEME LA FRASE AUTENTICA DI RAFFAELE TB 12,15 ALLA LUCE DEI 3 CODICI GRECI !!! All'interno i lettori troveranno il testo di Tb 12,15 ricostruito alla luce di tutti i codici !!!


Tobia 12, 15 Versione CEI 2008:

« Io sono Raffaele, uno dei sette angeli che sono sempre pronti ad entrare alla presenza della maestà del Signore»

COME DOVREBBE ESSERE, UNENDO TUTTE LE VERSIONI:

 GI +  GII + GIII  


VARIANTE GRECA GI - «Io sono Raffaele, uno dei sette santi angeli, che portano lassù (o presentano) le preghiere dei santi e sono ammessi davanti alla gloria del Santo»

[ ἐγώ εἰμι Ραφαηλ εἷς ἐκ τῶν ἑπτὰ ἁγίων ἀγγέλων οἳ προσαναφέρουσιν (Prosanaferousin ) τὰς προσευχὰς τῶν ἁγίων καὶ εἰσπορεύονται (eisporeuontai – entrare) ἐνώπιον τῆς δόξης τοῦ ἁγίου]


VARIANTE GRECA GII o א  - «Io sono Raffaele, uno dei sette angeli che stanno al servizio di Dio e che hanno accesso al Signore glorioso»  

[ἐγώ εἰμι Ραφαηλ εἷς τῶν ἑπτὰ ἀγγέλων οἳ παρεστήκασιν καὶ εἰσπορεύονται   ἐνώπιον τῆς δόξης κυρίου]


VARIANTE GRECA GIII  - c.d. Manoscritto di Ferrara  «Io sono Raffaele, uno di quelli che fanno assistenza davanti al Trono di Dio»

 [ἐγώ εἰμι Ραφαηλ εἷς τῶν παρεστὼτὼν ἐνώπιον τοῦ θεῶν]


Confrontiamo con il testo greco di

Lc 1,19 - εἰμι γαβριὴλ ὁ παρεστηκὼς ἐνώπιον τοῦ θεοῦ,

Ap 1,4 – ἀπὸ τῶν ἑπτὰ πνευμάτων ἃ ἐνώπιον τοῦ θρόνου αὐτοῦ

 Ap 8,2 - εἶδον τοὺς ἑπτὰ ἀγγέλους οἳ ἐνώπιον τοῦ θεοῦ ἑστήκασιν

 Ap 8,3 - (Poi venne un altro angelo e si fermò all'altare, reggendo un incensiere d'oro. Gli furono dati molti profumi perché li offrisse insieme con le preghiere di tutti i santi (ταῖς προσευχαῖς τῶν ἁγίων πάντων ) bruciandoli sull'altare d'oro, posto davanti al trono. E dalla mano dell'angelo il fumo degli aromi salì davanti a Dio, insieme con le preghiere dei santi.)


« io sono Raffaele, uno dei sette angeli santi, che stanno al servizio di Dio (GII  o א  ) e assistono davanti al Suo Trono (GIII ):  offrono le preghiere dei santi  (GI), e sono ammessi davanti alla gloria del Santo (GI) ».